Idee Programmatiche per il Digitale

Mi sono sempre chiesto, come cittadino diciamo “interessato alla materia”, quale programma elettorale sentirei più vicino alle mie corde; innanzitutto, quali temi?

Incrociando le norme del Decreto Sviluppo 2.0, le indicazioni dell’Agenda Digitale e i temi affrontati dal progetto SmartCities, direi che viene fuori un bell’elenco ricco di spunti attuali e digitali (!).

Tra le aree principali d’intervento del Decreto troviamo:

  • Agenda Digitale
  • Infrastrutture (telematiche)

Nell’Agenda Digitale troviamo:

E quindi arriviamo a:

  • Agenda Digitale
    1. Identità Digitale
    2. PA Digitale
    3. Open Data
    4. Sanità Digitale
    5. Digital Divide
    6. Pagamenti Elettronici
    7. Giustizia Digitale
  • Infrastrutture (telematiche)

Grazie al Decreto Sviluppo, arriveranno un monte di denari (per esempio 750 mio per le infrastrutture) per l’attuazione di nuovi progetti: fondamentale sarà l’indirizzo politico che deve essere forte e deciso su questi tre driver, per esempio sul Digital Divide:

  • ottimizzazione di quello che esiste (implica il fatto che si sappia cosa c’è e si riesca a produrre un progetto con un impatto calcolato in bilancio, basato sul risparmio);
  • collaborazione strategica con le realtà locali (marketing territoriale);
  • ruolo trainante (project management per coordinare tanti attori) della Pubblica Amministrazione: stiamo parlando del Digitale come Bene Comune

Allargando il respiro possiamo aggiungere queste idee al nostro programma:

  • Scuola Digitale: Graduale abolizione dei libri di scuola stampati, e quindi la loro gratuità, con l’accessibilità via Internet in formato digitale
  • Teledidattica ed e-Learning (didattica a distanza via Internet) anche di lezioni universitarie con accesso pubblico
  • Incentivazione per le imprese che utilizzano il telelavoro
  • Rete: Scorporo della Rete
  • Rete: Allineamento immediato delle tariffe di connessione a Internet e telefoniche a quelle europee
  • TV: Nessun canale televisivo con copertura nazionale può essere posseduto a maggioranza da alcun soggetto privato, l’azionariato deve essere diffuso con proprietà massima del 10%
  • TV: Le frequenze televisive vanno assegnate attraverso un’asta pubblica ogni cinque anni (beauty contest)
  • TV: Abolizione della legge del governo D’Alema che richiede un contributo dell’uno per cento sui ricavi agli assegnatari di frequenze televisive
  • TV: Vendita ad azionariato diffuso, con proprietà massima del 10%, di due canali televisivi pubblici
  • TV: Un solo canale televisivo pubblico, senza pubblicità, informativo e culturale, indipendente dai partiti
  • TV: Abolizione della legge Gasparri
  • Giornali: Eliminazione dei contributi pubblici per il finanziamento delle testate giornalistiche
  • Giornali: Nessun quotidiano con copertura nazionale può essere posseduto a maggioranza da alcun soggetto privato, l’azionariato diffuso con proprietà massima del 10%
  • Giornali: Abolizione dell’Ordine dei giornalisti
  • Editoria: Tetto nazionale massimo del 5% per le società di raccolta pubblicitaria facenti capo a un singolo soggetto economico privato
  • Editoria: Riduzione del tempo di decorrenza della proprietà intellettuale a 20 anni
  • Editoria: Abolizione della legge Urbani sul copyright
  • Editoria: Divieto della partecipazione azionaria da parte delle banche e di enti pubblici o para pubblici a società editoriali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...