Il Re è nudo – Quel pasticciaccio politico dell’AgCom

agcomLe dimissioni del prof. Dècina hanno avuto l’effetto dell’urlo “il re è nudo!

L’editoriale del mio amico Raffaele Barberio evidenzia come un professionista competente e di grande esperienza e conoscenza del settore possa essere stritolato in un ambiente che non risponde “sempre” alle logiche che dovrebbero essere alla base di un’Autorità che ha l’obiettivo di garantire il pluralismo e la trasparenza nel mercato, ma prende “spesso” derive politiche e lobbistiche.
I dossier che sono sul tavolo dell’Autorità (dalle frequenze televisive ai prezzi del rame e della fibra nonché il diritto d’autore) sono delicati e coinvolgono interessi economici importanti contigui alle forze politiche oggi in campo (non sto neanche a fare degli esempi…).
Raffaele Barberio prosegue sostenendo giustamente che non sarà facile sostituirlo, anche se non sarà impossibile.
Il MoVimento 5 Stelle, come già dimostrato in mille altre occasioni, rifugge dalla consueta logica della ‘spartizione politica’ e chiede che il sostituto del prof. Decina sia “un nome che sia il frutto di una selezione basata su professionalità, competenza e trasparenza”.

Al momento della elezione nel giugno 2012, centrodestra, centro e centrosinistra si ripartirono i seggi: due al Pdl (Antonio Martusciello e Antonio Preto), uno al PD (Maurizio Dècina), uno all’UDC (Francesco Posteraro).
La nomina di questo consiglio AgCom risale a un’era la cui percezione è ben superiore ai soli 15 mesi che ci distanziano da essa.
Ora il M5S ha un peso politico importante e si può immaginare fattibile, NON di imporre un commissario del MoVimento, ma di affrontare la nomina con una logica trasparente, che arrivi dal basso, che sia basata su competenze e professionalità.
Potrà essere così?

Se così fosse, perché non candidarsi 😉

Annunci

Informazioni su alexcurti

se vuoi costruire una barca non radunare uomini per tagliare legna, impartire ordini e dividere i compiti, ma insegna loro la nostalgia per il mare vasto e infinito.
Questa voce è stata pubblicata in Digital Divide, Telecomunicazioni e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...