L’IoT nei Prodotti, nelle Aziende e nelle Reti d’Impresa. NExT4Things & ComoNExT rispondono ai driver della Trasformazione Digitale

Quarto post riferito a NExT4Things, la Rete d’Impresa nata nell’Aprile 2016 all’interno del Parco Tecnologico e Scientifico (ora Innovation Hub) ComoNExT, per la quale ricopro il ruolo di Manager di Rete.

Nello scorso post abbiamo descritto l’interpretazione della Trasformazione Digitale con l’IoT come abilitatore da parte di NExT4Things.
In particolare abbiamo descritto come l’Internet of Things può modificare intimamente qualsiasi tipologia di prodotto, dall’ascensore allo scaffale espositore.

Riferendoci all’esempio dell’ascensore reloaded, grazie alla sensoristica inserita nell’ascensore stesso, il costruttore può proporre un servizio di Manutenzione Predittiva e trasformare la vendita del prodotto “ascensore” in vendita del servizio di “elevazione” 365/365.
Il costruttore reloaded dell’ascensore reloaded ha quindi navigato nello schema a radar sui tre assi Persone, Organizzazione e Tecnologie.

radar
Il costruttore reloaded ha cambiato il suo modello di business (e sicuramente l’organizzazione interna e le competenze del proprio personale), ha creato nuovi prodotti / servizi e si trova a far parte di un ecosistema con nuovi player e nuove relazioni.

Ragioniamo ora sul suo prodotto reloaded, l’ascensore: diamogli un’anima; finora era abituato a trasportare al suo interno le persone e a ricevere le visite periodiche del manutentore; ora, dopo il percorso di Digital Transformation, l’ascensore reloaded

  • si trova collegato in rete, nella Big Internet e ha nuove relazioni con oggetti, macchine e uomini (anche non dentro di lui, ma magari distanti km!).
  • si trova con, a bordo, nuove o mutate tecnologie che portano, grazie all’introduzione dei sensori, nuove funzionalità (competenze) che migliorano la qualità del suo servizio: conosce in tempo reale il suo stato di salute, cioè se il freno si è consumato troppo velocemente o se la luce interna si è fulminata …
  • si trova posizionato in maniera differente sul mercato: ha cambiato pelle, non è più prodotto (ammasso di lamiere e qualche semplice tecnologia) ma si è trasformato in servizio.

Costruendo NExT4Things (nei 6 lunghi mesi di gestazione), ci siamo resi conto come lo strumento di aggregazione più opportuno per lavorare nel mondo della “Trasformazione Digitale con l’IoT come abilitatore” fosse sicuramente la Rete d’Impresa:
un’Azienda, quando entra in Rete, si trova parte di un nuovo ecosistema, con nuove relazioni, con nuove competenze a fattor comune, … è quindi naturalmente coinvolta nel percorso di trasformazione che la porterà a essere reloaded.
La Rete d’Impresa è una forma di aggregazione liquida nella quale l’Azienda Retista deve adattare dinamicamente la propria organizzazione, le proprie competenze (persone) e la propria proposta (prodotto/servizio e tecnologie).
La Rete d’Impresa è essa stessa uno strumento abilitatore la Trasformazione Digitale.

Saliamo di un livello …
L’Innovation Hub ComoNExT si è trasformato, nel nuovo modello di sviluppo presentato il 16 novembre in Auditorium a Lomazzo, in Rete di Reti.
ComoNExT Reloaded è un agevolatore della Trasformazione (Digitale) e dell’Innovazione, in senso più ampio.

Il vento nuovo della Digital Trasformation con l’IoT come abilitatore soffia sui prodotti (ascensore), sulle Aziende, sulle Reti.

Vediamo ora il ruolo strategico che assumono NExT4Things e ComoNExT nel disegno nazionale di Sviluppo Economico disegnato dal Ministro dello Sviluppo Economico Calenda: Il Piano Industria 4.0  vedrà sostegni economici e finanziari alle Imprese che intraprenderanno il percorso di Trasformazione Digitale con l’IoT come tecnologia abilitante (Smart Manufacturing, iIoT, …).
I punti di messa a terra dell’azione governativa sono i Competence Hub e gli Innovation Hub: le Aziende potranno rivolgersi a queste due tipologie di realtà sul proprio territorio per intraprendere progetti di Digital Transformation.
Il Ministro MISE Calenda prevede l’iperammortamento pari al 250% su 5 anni dei beni strumentali (HW e SW) e servizi acquisiti per realizzare il progetto di Digital Transformation all’interno dell’Innovation Hub.

Questa importantissima azione governativa va a sommarsi alle azioni regionali (NExT4Things e ComoNExT sono accreditate QUeSTIO, requisito necessario per l’accesso ai Bandi) e ad altre azioni promosse dal MEF o divenute Leggi dello Stato, sulle quali ComoNExT e NExT4Things stanno già lavorando con successo.
Infatti, già da circa un anno è possibile detrarre come Credito d’Imposta il 50% degli importi dei progetti riferibili alla “Ricerca e Sviluppo”.
Il Credito d’Imposta per le attività in ricerca e sviluppo è un incentivo fiscale che consente di recuperare parzialmente gli investimenti effettuati in questo ambito scontandoli direttamente da imposte e tributi.
Possono accedervi tutte le imprese, indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico nel quale operano e dalla dimensione.
Le attività di ricerca e sviluppo che rientrano nell’agevolazione “Credito d’Imposta” vanno dai lavori sperimentali e teorici, alle indagini necessarie per mettere a punto nuovi prodotti o apportare dei miglioramenti a quelli già esistenti, fino alla realizzazione di prototipi.
Gli investimenti su cui calcolare l’agevolazione sono:

  1. Personale altamente qualificato coinvolto in ricerca e sviluppo;
  2. Strumenti e attrezzature di laboratorio (quote di ammortamento, canoni di leasing, costi di noleggio);
  3. Contratti di ricerca con università, enti di ricerca, e con altre imprese comprese le start-up innovative;
  4. Competenze tecniche e privative industriali relative a un’invenzione industriale;
  5. Certificazione contabile per le imprese non soggette a revisione contabile e prive di collegio sindacale (massimo 5.000 euro).

L’agevolazione viene calcolata sull’incremento dei costi di ricerca e sviluppo rispetto alla media degli investimenti realizzati negli anni 2012-2013-2014.
La spesa in ricerca e sviluppo deve essere di almeno 30.000 Euro.
L’agevolazione è pari al 50% dei costi incrementali per il personale e i contratti di ricerca, e al 25% degli altri costi.

NExT4Things e ComoNExT sono il tuo partner nel percorso di Trasformazione Digitale con l’Internet of Things.

Advertisements

Informazioni su alexcurti

se vuoi costruire una barca non radunare uomini per tagliare legna, impartire ordini e dividere i compiti, ma insegna loro la nostalgia per il mare vasto e infinito.
Questa voce è stata pubblicata in D20, Digital Transformation, Internet of things e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...